La ceramica di Gualdo Tadino (Umbria), documentata a partire dal Trecento, vive una straordinaria stagione nell’Ottocento grazie al revival del lustro metallico ad opera del pesarese Paolo Rubboli (1838-1890), un’antica tecnica ideata dall’eugubino Mastro Giorgio Andreoli, che prevedeva l’applicazione di sostanze fumogene, da cui derivavano tenui particelle metalliche, ottenendo particolari iridescenze.

Durante la seconda edizione di Buongiorno Ceramica (3-4-5 Giugno 2016) proprio la tecnica del lustro oro-rubino sarà al centro del programma di eventi, con la visita guidata del 3 giugno al Laboratorio Ceramico Vecchia Gualdo, in cui verranno descritte e dimostrate le varie fasi di produzione di questa particolare lavorazione.

Sabato 4 giugno si prosegue con la Festa della Ceramica, con l’inaugurazione della mostra collettiva Espresso and Cappuccino Cups, che vede architetti, artisti, ceramisti, designers e scultori italiani e stranieri in dialogo con il tema della tazzina da caffè in ceramica, e la presentazione della ricerca di Ilaria Ursi Ceramica ed Economia a Gualdo.

Infine, domenica 5 giugno sarà dedicata alla visita dei tre musei della ceramica di Gualdo Tadino, ovvero Rocca Flea, Casa Cajani e Opificio Rubboli (nella foto).

Scopri di più su Gualdo Tadino e sugli eventi di Buongiorno Ceramica 2016 cliccando qui >