La stagione più felice per la ceramica di Urbania – l’antica Casteldurante – fu il Cinquecento. Nutrita dalla cultura raffaellesca, dalla ricchezza di immagini di incisori famosi e dall’influenza di pittori e umanisti della corte ducale, la ceramica di Urbania vive così il suo “secolo d’oro” documentato, oltre che dalle maioliche stesse, dall’opera “Li tre Libri dell’Arte del Vasaio”, opera di Cipriano Piccolpasso, durantino vissuto nel Cinquecento che raccolse in questo manoscritto tutti i segreti di quest’arte.

In occasione della seconda edizione di Buongiorno Ceramica (3-4-5 giugno 2016), l’ingresso gratuito ai Musei Civici di Palazzo Ducale e Museo Leonardi consentirà ai visitatori di ammirare proprio le bellissime maioliche e terrecotte della tradizione durantina, che testimoniano l’attività delle botteghe tra il XIII e il XX Secolo.

Due incontri – entrambi sabato pomeriggio – avranno invece un taglio più contemporaneo: Design per non credenti (incontro con Mirco Denicolò) e Fittile futuribile – Domani è nuovamente terra (incontro con Jonathan Pierini).

Passi Cotti sarà la presentazione di un progetto di storytelling del patrimonio culturale ceramico fatto dalle scuole, con i ragazzi dell’ Istituto Omnicomprensivo della Rovere e Associazione Etra.

E poi ancora Totoceramica, un gioco a premi a cura dell’Associazione Amici della Ceramica di Urbania, e la Cena dei ceramisti a cura dell’Associazione Amici della Ceramica…

Scopri di più su Urbania e sugli eventi di Buongiorno Ceramica 2016 cliccando qui >