Non più solo Londra, Limoges, Berlino, San Pietroburgo o Vienna: la maiolica laertina finalmente torna lì dove è stata concepita e creata. Con l’anteprima della mostra La ceramica di Laterza nella collezione Tondolo apre i battenti martedì 1 dicembre alle ore 18:00 il MUMA, il Museo della Maiolica di Laterza che trova spazio nelle eleganti sale di Palazzo Marchesale.

“Si è trattato di un percorso complesso – spiega il primo cittadino Gianfranco Lopane – che ci ha visti impegnati sin dall’insediamento di questa amministrazione per ridare dignità alla nostra storia e per recuperare un patrimonio storico e culturale che caratterizza la nostra identità”.

Palazzo Marchesale, che sino ad oggi è stato laboratorio dal grande fermento soprattutto per i tanti giovani della cittadina in provincia di Taranto, quell’antica dimora nobiliare – recuperata attraverso un progetto modulare di riqualificazione realizzato con Fondi Regionali pari a circa 800mila Euro (PO FESR 2007/2013 Asse IV – Linea 4.2.1.) – assume così la forma e la dimensione di un vero e proprio contenitore culturale e artistico che offrirà lo spazio all’antica arte figulina finora esposta in noti musei nazionali ed esteri.

Interprete del ritrovato amore della comunità laertina per la sua ceramica, l’amministrazione comunale, che si è impegnata ad intercettare gli strumenti finanziari utili per restituire alla città la sua identità artistica. “Il MUMA, Museo della Maiolica di Laterza, prosegue il sindaco Lopane – è anzitutto il luogo che abbiamo inteso donare alla nostra comunità affinché possa coltivare la memoria dell’arte maiolica passata, quella che ha reso grande il nome di Laterza nel mondo. Una memoria che vogliamo sia viva e vitale”.

Saranno oltre 150 le ceramiche esposte in anteprima e appartenenti alla prestigiosa collezione privata di Riccardo Tondolo, l’imprenditore barese che, cogliendo la volontà istituzionale di riportare al centro della vita culturale di Laterza la tradizione della lavorazione della ceramica, non ha esitato a prestare a lungo termine la sua collezione.

www.mumalaterza.it

Scarica il manifesto >