Torna BUONGIORNO CERAMICA!

Il 21 e il 22 maggio torniamo a vivere insieme una delle arti più quotidiane e vicine. Come una spina dorsale dell’artigianato, la ceramica d’arte corre lungo tutto il Paese, un guizzo di forme, di colori, di creatività patrimonio di tutti

Con uno straordinario supporto di tutti gli operatori ed appassionati della ceramica italiana, BUONGIORNO CERAMICA! 2022 diventa espressione di rinascita del settore, a partire dai laboratori, dagli atelier, dai forni, dalle botteghe, dalle gallerie d’arte e torna in strada, in piazza, nelle scuole, nei musei, nei parchi. Torna tutta dal vivo forte della stessa operosa fiducia degli artigiani e di coloro che ogni giorno scelgono un oggetto in ceramica per rendere più bella, colorata, creativa, artistica anche la quotidianità.

Sono 45 le Città della Ceramica sparse in tutta Italia dove nell’arco di un weekend si susseguono ogni anno performance, laboratori, concerti, aperitivi col maestro, degustazioni, mostre, installazioni, visite guidate, workshop, letture, e molto altro. Un gran piacere sia per gli adulti che per i più piccoli; un Festival a porte aperte concentrato in una due giorni.

Nel terzo weekend di maggio tutti possono scoprire botteghe, laboratori, atelier in cui quotidianamente la ceramica viene pensata e realizzata. Possono incontrare i protagonisti, gli artigiani, i giovani artisti e i designers, vederli lavorare, toccare l’argilla, provare magari a mettersi al tornio, smaltare e capire il valore del fatto a mano. Possono entrare nei musei, in gallerie, seguire percorsi di visita a tema, conoscere tradizioni secolari e scoprire le creatività più innovative. Partecipare a laboratori collettivi o fare piccole sedute di lavoro individuali. Fare shopping di pezzi unici, scoprire a tavola quanto è più bello il cibo servito su un piatto artigianale o magari ascoltare musica fatta con strumenti in ceramica.

“Con Buongiorno Ceramica! vogliamo promuovere la ceramica artistica e artigianale, per riportarla al centro della sensibilità e dei costumi italiani.
Il successo crescente di Buongiorno Ceramica! ci conferma che abbiamo intercettato una passione e forse anche un’inclinazione degli italiani. Per questo con AiCC, Associazione Italiana Città della Ceramica, promotrice della manifestazione, teniamo sempre viva l’attenzione e la passione su questa arte che rappresenta l’identità culturale per tanti territori italiani”, sottolinea il presidente di AiCC Massimo Isola.

La Liguria aderisce a Buongiorno Ceramica! con un progetto che coinvolge le quattro città della “Baia della Ceramica”: Albisola Superiore, Albissola Marina, Celle Ligure e Savona. Lo scopo è avvicinare il pubblico alle tradizioni artistiche attraverso concerti, filmati e immagini di produzione della ceramica.
In particolare “Fish Art 2022” presso il borgo di Pozzo Garitta, ad Albissola Marina, il 22 maggio prevede la realizzazione di 50 vassoi e 50 mongolfiere successivamente messe in vendita al Circolo degli Artisti per scopi umanitari.
Due, inoltre le mostre: l’esposizione itinerante delle opere di artisti ceramici per la realizzazione di un “tempio dell’arte contemporanea” presso la Galleria Bludiprussia e la tredicesima Biennale d’Arte Ceramica con lo scopo di promuovere giovani artisti e artigiani.
Albisola Superiore partecipa con un progetto ideato e realizzato da ceramisti e artisti della Scuola Comunale di ceramica con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura. L’opera, iniziata lo scorso anno, è composta da 150 piastrelle raffiguranti i vari stili della tradizione ceramica albisolese ed è ammirabile sulla Passeggiata Eugenio Montale. Sabato 21 maggio verrà inoltre realizzato l’evento “I calanchi ed il Museo Carlo Zauli” presso il Civico Museo della Ceramica “Manlio Trucco” con un’introduzione storica, letteraria ed artistica a cura del Prof. Ferdinando Molteni, la proiezione di immagini e filmati e un concerto.
Celle Ligure partecipa invece con un suggestivo omaggio a Lucia Gutierrez, ceramista albisolese di adozione recentemente scomparsa. Le sue opere, caratterizzate dalla convivenza di stile italiano e sudamericano, saranno esposte nella Biblioteca Comunale Pietro Costa e sul Lungomare Carlo Russo. E ancora, sabato 21 maggio nel pomeriggio laboratorio all’aperto per i più piccini, mentre dalle 21.00 sul lungomare la performance “La rinascita di un’antica tradizione dimenticata”, proiezione di immagini e filmati, con sottofondo musicale.

In Piemonte, il Comune di Castellamonte aderisce con la mostra, presso botteghe e laboratori, di opere che raccontano la storia degli artisti locali e con il progetto “Ceramica Emozioni”, un’esposizione dedicata alla tematica della pace. Nel weekend del 21 e 22 maggio anche il Concorso “Ceramiche Sonore”, prima edizione del concorso internazionale del fischietto in terracotta.
Presso il Cantiere delle Arti Castellamonte, in centro storico, si svolgerà inoltre la mostra degli artisti Sandra Baruzzi e Guglielmo Marthyn.

In Lombardia a Laveno Mombello il Museo Internazionale del Design Ceramico rivoluziona ancora una volta il modo di valorizzare la tradizione ceramica, connettendola con le forme più innovative delle arti digitali contemporanee: sarà possibile infatti scaricare dal sito del museo un’esperienza virtuale interattiva sull’industria lavenese della ceramica.

In Veneto, a Nove, il Museo Civico della Ceramica, il Museo del Liceo De Fabris e l’Associazione Nove Terra di Ceramica propongono una serie di eventi e aperture guidate da gruppi di studenti. Dal mattino di sabato 21 maggio le sale dei musei saranno allestite con opere dei maestri del ‘900 e sul palco si alterneranno 9 tra i migliori artisti della ceramica che realizzeranno, a scopo benefico, 99 ciotole, in uno spazio pubblico dove appassionati e turisti potranno scoprire i segreti di quest’arte e partecipare a laboratori e conferenze.

In Emilia-Romagna, Faenza apre botteghe e atelier al pubblico, con eventi, mostre, dimostrazioni e laboratori per tutti organizzati dai ceramisti locali. Oltre al tradizionale Aperitivo del Ceramista in Piazza Nenni, storica iniziativa faentina che valorizza oltre alla ceramica anche le eccellenze enogastronomiche del territorio, quest’anno è proposta per la prima volta la Colazione del Ceramista, prevista per domenica 22 maggio, per iniziare la giornata con un caffè in tazzine in ceramica appositamente realizzate. Inoltre, sarà possibile visitare una mostra dedicata ai ceramisti faentini al piano superiore di Spazio Ceramica Faenza, lo Shop della Ceramica faentina. Parteciperanno anche i musei della ceramica (Museo Internazionale delle Ceramiche, Museo Carlo Zauli, Museo Tramonti, Museo Lega), l’ISIA-Istituto Superiore per le Industrie Artistiche e l’IFTS-Corso IFTS Tecnico del prodotto ceramico a Faenza, con aperture straordinarie, eventi e mostre.

In Toscana: Borgo San Lorenzo dal 20 al 22 maggio festeggerà la quinta edizione del Festival Fabrica32, con le sue ceramiche esposte in una nuova suggestiva location: il cinquecentesco Monastero di Santa Caterina, un luogo ricco di storia che ospiterà visite guidate, conferenze e workshop, nonché attività di laboratori ceramici per adulti e bambini. Anche il Museo Chini aprirà le porte ai visitatori che potranno ammirare una produzione artistica ceramica e accedere a visite guidate gratuite.
Impruneta torna a celebrare la sua terracotta, famosa a livello internazionale, aprendo le Fornaci a Marchio CAT (Ceramica Artistica e Tradizionale) ai visitatori con mostre laboratori didattici, performance artistiche e visite guidate attraverso percorsi emozionali all’interno delle magiche atmosfere delle fornaci stesse.
Ricchissimo il programma di Montelupo Fiorentino che inaugura il 20 maggio il lavoro di Marco Bagnoli per il Museo della Ceramica, un’opera costituita da 72 vasi in ceramica smaltata blu, verde e rame a terzo fuoco e rosso. Il progetto, realizzato dalla Fondazione Museo Montelupo con il sostegno dell’Italian Council, prevede l’accompagnamento sonoro di una poesia del mistico persiano Rumi e si conclude con un aperitivo al tramonto per rendere la giornata interamente avvolgente e sensazionale. A seguire, il 21 maggio la mostra mercato delle ceramiche locali presso il centro storico, visite guidate al Museo Archivio Bitossi e la Ceramic Experience per adulti e bambini. Domenica 22 maggio trekking urbano per ammirare le opere di Materia Prima e di arte contemporanea nel parco della Villa Medicea. A chiusura evento un brindisi collettivo alla Fornace del Museo.
Sesto Fiorentino concentra le iniziative nel suo “fiore all’occhiello”, il Museo Ginori, che riaprirà il suo parco restituendo alla città uno spazio verde rimasto chiuso per anni e ospiterà per l’occasione dimostrazioni e performance dell’arte ceramica.
Infine ad Asciano, Comune non ancora “Città della Ceramica” ma in procinto di diventarlo, sabato 21 maggio sarà una giornata dedicata alla famiglia dei Filigelli, noti vasai ascianesi (attivi nel XVI-XVII secolo) con visite guidate, laboratori per adulti e bambini, esperienze a confronto.

Nelle Marche alcune realtà ceramiche di Appignano ospiteranno i visitatori all’interno dei loro atelier per consentir di vedere come nascono le stoviglie di “Leguminaria”, toccare con mano l’evoluzione dell’argilla e il processo di fabbricazione che caratterizza quest’arte creativa grazie a dimostrazioni dal vivo dei più esperti ceramisti marchigiani.
Pesaro punta al coinvolgimento degli appassionati con una serie di iniziative per grandi e piccoli: l’apertura di botteghe, visite guidate a tema e laboratori con dimostrazioni ceramiche ai Musei Civici a cura dell’Associazione Amici della Ceramica di Pesaro, per rivolgere l’attenzione su questa secolare attività artistica che caratterizza la città dal Trecento. In occasione della manifestazione verrà aperto anche il museo scolastico CAME del Liceo Artistico Mengaroni, per scoprire la collezione permanente appartenente agli anni Cinquanta del secolo scorso.
Sabato 21 maggio, il Comune di Urbania, con l’Associazione Amici della Ceramica, organizzerà una giornata dedicata alla ceramica e all’artigianato artistico che coinvolgerà il centro storico della città: nel Cortile di Palazzo Ducale e nella Piazza del Mercato i maestri locali allestiranno i loro studi e lavoreranno con diverse tecniche la ceramica davanti ai visitatori che potranno ammirare il loro operato artistico. L’evento prevede attività interattive e l’inaugurazione della mostra di Ceramiche d’Arte.

In Umbria, Deruta nell’ambito del programma più ampio “Borgo delle Arti” attiverà il programma “Magia di un’Arte”.
Gualdo Tadino aderisce in collaborazione con il Polo Museale della Città, l’Associazione Culturale Rubboli e l’Associazione Protadino, realizza due mostre: una presso il Museo Civico Rocca Flea dove saranno installate le opere dell’artista Nazzareno Guglielmi, mentre nella Chiesa di San Francesco si inaugurerà la mostra retrospettiva del 39° Concorso Internazionale della Ceramica d’arte. Spazio alle visite guidate sabato 21 maggio presso il Museo Opificio Rubboli, con la partecipazione del curatore Maurizio Tittarelli Rubboli, mentre al Museo della ceramica si terrà la presentazione di nuove acquisizioni ceramiche e opere degli anni Trenta.
Ad Umbertide, Comune non ancora “Città della Ceramica”, ma in procinto di diventarlo, nel pomeriggio di sabato 21 maggio i visitatori saranno accolti nello showroom da Massimo Monini, proprietario della Manifattura, con una visita guidata per illustrare il ciclo produttivo e le varie tecniche di lavorazione dei pezzi esposti. Domenica 22 maggio, dalle 10.00 alle 13.00, le visite saranno guidate da David Menghini, responsabile dello spazio museale dedicato alle Ceramiche Rometti, presso la Fabbrica Moderna (FA.MO.), che permetterà al visitatore una vera e propria esperienza di memoria e innovazione grazie all’esposizione di pezzi iconici ed esemplari più recenti.

Il Lazio aderisce a Buongiorno Ceramica! presso il Museo della Ceramica Casimiro Marcantoni di Civita Castellana, che dal 21 al 29 maggio aprirà le porte a “Tracciami”, la mostra di arte contemporanea di Jessica Pintaldi: l’iniziativa prevede la presentazione, da parte di diversi artisti, di una serie di opere in argilla evocanti la connessione tra uomo e natura attraverso la traccia e l’impronta, un tentativo del tutto creativo di ritrovare il vero senso di comunanza per fronteggiare problematiche ambientali, sociali e culturali.

In Campania ad Ariano Irpino, mostra dedicata al progetto Italia-Cina “Sulla via della ceramica da AiCC a Fuping”, collettiva dei due gruppi di ceramisti da tutta Italia (14 artisti) partecipanti all’esperienza di Fuping del 2019, un progetto di AiCC che ha sviluppato uno scambio culturale e professionale con la Cina.

La Basilicata aderisce all’iniziativa AiCC, con Calvello, altro Comune in procinto di diventare “Città della Ceramica”, che organizza un weekend alla scoperta della tradizione calvellese della lavorazione della ceramica attraverso laboratori aperti ai visitatori e percorsi dimostrativi ad opera degli artigiani locali.

In Puglia, Grottaglie vedrà l’apertura delle botteghe del Quartiere delle Ceramiche e, in occasione della Notte dei Musei della Ceramica, sabato 21, il Museo nel Castello Episcopio proporrà una visita guidata tematica fino a notte. Per i piccoli appassionati, Giocaceramica, iniziativa ludico didattica che coinvolge i bambini attraverso la modellazione creativa con l’argilla.
Rutigliano, altro Comune in procinto di diventare “Città della Ceramica, le giornate di sabato 21 e domenica 22 maggio saranno interamente dedicate alla promozione della ceramica locale, nota per la produzione dei fischietti in terracotta, attraverso laboratori tematici, l’allestimento di una mostra legata ai figuli e visite guidate al Museo del Fischietto in Terracotta, al Museo Civico Archeologico e al centro storico.
Doppio appuntamento a Cutrofiano, dove sabato 21 maggio si potrà accedere ai laboratori e al progetto “Fame Concreta”, l’unione enogastronomica con la ceramica e la realizzazione di un’opera collettiva dei ceramisti, e domenica 22 maggio l’apertura delle aziende e tour guidati presso Museo, fornaci e botteghe, i luoghi storici della ceramica.

In Sicilia, Sciacca sarà avvolta dal clima del carnevale, manifestazione tipica locale per cui gli artigiani hanno da sempre decorato carri allegorici in ceramica. Saranno infatti aperti botteghe e laboratori dove ammirare pannelli e mascheroni “large size”, poi installati nel parco del museo del carnevale, che già vanta la presenza di più di 200 opere in miniatura in ceramica per una fruizione pubblica e quotidiana.
Caltagirone grande mostra della storica Collezione Mirulla “Prime di copertina” di opere ceramiche presso il Museo storico di Città.

Il programma è in costruzione e sarà consultabile su questo sito.
Guarda i programmi delle edizioni precedenti >>

Seguici sui nostri canali social:
Facebook
Instagram
Twitter

Per informazioni: info@buongiornoceramica.it
Ufficio stampa >>

L’evento è organizzato in ottemperanza delle norme anti Covid-19.

Le 45 città di antica tradizione ceramica sono: Albisola Superiore, Albissola Marina, Appignano, Ariano Irpino, Ascoli Piceno, Assemini, Bassano del Grappa, Borgo San Lorenzo, Burgio, Calitri, Caltagirone, Castellamonte, Castelli, Cava de’ Tirreni, Celle Ligure, Cerreto Sannita, Città di Castello, Civita Castellana, Cutrofiano, Deruta, Este, Faenza, Grottaglie, Gualdo Tadino, Gubbio, Impruneta, Laterza, Laveno Mombello, Lodi, Monreale, Montelupo Fiorentino, Napoli-Capodimonte, Nove, Oristano, Orvieto, Pesaro, San Lorenzello, Santo Stefano di Camastra, Savona, Sciacca, Sesto Fiorentino, Squillace, Urbania, Vietri sul Mare, Viterbo.